L’ altro giorno ho visto – per l’ennesima volta – “L’Attimo Fuggente” quello con il grande Robin Williams, uno degli insegnamenti più importanti che regala ai ragazzi è guardare il tutto da un’altra prospettiva. Perché la prospettiva ti regala un punto di vista diverso e straordinario.

Immaginiamo di salire sopra un grattacelo, il più alto della città, da dove potremo vedere tutto, persone, alberi, case, strade, buche, nel caso vi trovaste a Roma.
Ma sopra di noi, oltre noi, ci sono le nuvole e il cielo.

Per cercare di vedere tutto allora potremmo salire su un aereo, possibilmente non Ryanair. Ma anche da lì ci sarebbe sempre qualcosa sopra che si potrebbe sfuggire al nostro sguardo. Se guardassimo il mondo dallo spazio, potremmo cogliere tutto quello che c’è?
Pensiamoci un attimo, esiste un punto di vista da cui sarebbe possibile vedere tutto?

Solo in un posto potremmo trovare questo. Nel vuoto cosmico.
No… Non sto parlando dei pensieri di Di Maio… Sto parlando di andare oltre lo spazio ed il tempo, per cercare l’assoluto!

L’assoluto è ovunque, anche dentro di noi. Noi sappiamo che esiste, perché è come una nostalgia, come il ricordo di qualcosa di cui senti la mancanza e di cui hai bisogno.
Tu, che non sei infinito – io lo sono – hai qualcosa di infinito dentro di te ed è proprio l’assoluto! che proprio perché è assoluto ti supera.

L’assoluto è il principio di tutta la realtà, qualcosa che in un unico abbraccio contiene tutto.
O quasi… Non penso consideri Mario Adinolfi.

Ma quindi se è infinito e sta in tutto è impossibile da immaginare? No.
Si può trovare nell’arte che ci può donare l’idea di assoluto. Pensiamo alla musica, immaginiamoci un’orchestra in cui ogni strumento produce un suono che va ad aggiungersi e mischiarsi ai suoni di tutti gli altri strumenti. La musica che ne risulterà sarà fatta da tanti suoni diversi che, uniti, formano qualcosa che poi sentiamo come un tutto, in cui non distinguiamo più il flauto, la chitarra o il violino, ma solo un abbraccio infinito.

La bellezza dell’arte è proprio questa: provare a creare l’Assoluto.

Lascia un commento